FIT FOR 55: PIANO DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO EUROPEO

efficientamento energetico fit for 55

FIT FOR 55: NUOVO OBIETTIVO DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

Il 14 luglio la Commissione Europea ha adottato Fit for 55, il pacchetto che contiene le proposte legislative per raggiungere il taglio del 55% di emissioni entro il 2030, centrando una delle tappe fondamentali del Green Deal.

L’obiettivo finale è che l’efficientamento energetico e gli interventi offset ci consentano di raggiungere la carbon neutrality non oltre il 2050. Avevamo anticipato la news qui

GLI STEP DELL’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO EUROPEO

Fit for 55 è l’erede del pacchetto “20 20 20” contenuto nella Direttiva 2009/29/CE, entrato in vigore nel giugno 2009 e valido fino allo scorso anno.

Gli obiettivi del 20 20 20, ovvero:

  • riduzione delle emissioni dei gas serra del 20%
  • aumento del 20% delle energie da fonti rinnovabili
  • aumento del 20% di risparmio energetico

sono stati raggiunti, portando la Commissione ad alzare l’asticella per le tappe future.

Inizialmente si era proposto il traguardo del -40% di minori emissioni con un +32% di quota rinnovabili, ma a seguito dell’analisi delle politiche e dei risultati nazionali, l’ottimismo e l’urgenza hanno avuto la meglio, portando ad un numero molto ambizioso, slogan del Fit for 55.

QUALI SONO I PUNTI PRINCIPALI DEL FIT FOR 55?

Gli strumenti messi in campo da Fit for 55 sono trasversali rispetto ai settori e agli ambiti di competenza. Il ventaglio di azioni si può riassumere come segue:

  • revisione della regolamentazione dello scambio di emissioni (Emission Trading System)
  • revisione del meccanismo del Carbon Boarder
  • revisione della Energy Tax Directive
  • revisione della normativa sulle infrastrutture per carburanti alternativi
  • revisione degli standard sulle emissioni di CO2 e metano nel settore energia, trasporti e logistica
  • revisione della normativa sulle performance energetiche ed efficientamento energetico degli edifici

Le iniziative di Fit for 55 si basano su 13 pilastri, sotto forma di modifiche alla normativa esistente e introduzione di nuove proposte legislative.

COME PREPARARSI ALLE NUOVE LEGGI EUROPEE?

Il cuore delle riforme legislative sta proprio nell’efficientamento energetico aziendale e nello scambio dei “permessi di emissione” del sistema ETS.

Il cap delle emissioni scende continuamente: questo implica che le aste per acquistare i “permessi di emissione” vadano a premiare chi emette di meno, avvantaggiandolo nello scambio di quote con chi si trova invece a superare il cap.

Si vede quindi che l’efficientamento energetico aziendale dà un vantaggio che aumenta nel tempo, a fronte dell’obbligatorietà dei tagli alle emissioni e a fronte dei termini quantitativi e temporali sempre più stringenti.

Data l’incomprimibilità di una quota di emissioni, oltre all’incentivo alle rinnovabili sarà necessario un taglio ai consumi, ottenibile con la maggiore efficienza degli impianti.

La soluzione e-Power lavora proprio in questo senso, smarcandosi dal mix energetico e rimanendo una soluzione di efficientamento sempre intelligente e di valore.

Esplora la nostra pagina dedicata ai benefici ambientali e il nostro configuratore per l’efficienza energetica aziendale per sapere quanto puoi risparmiare, in consumi ed emissioni, grazie alla nostra soluzione e-Power, oppure contattaci: saremo lieti di rispondere a tutte le tue domande!